Se guardate minimamente la televisione o siete solo frequentatori della rete, non vi sarà passato inosservato che due grandi colossi come Coca-Cola e Ferrero, hanno adottato una strategia pubblicitaria uguale.

A partire da questa primavere abbiamo visto nell’ordine CONDIVIDI UNA COCA COLA e NUTELLA  SEI TU.

A bocce ferme, adesso che le due pubblicità hanno fatto il loro corso possiamo cercare di capire questa strana somiglianza.

L’operazione della bevanda gassata si basava sulla condivisione (#condividiunacocacola era l’hashtag della campagna), quindi l’idea di marketing era far comprare la lattina con il nome dell’amico/collega/compagna.

Mentre Nutella punta tutto su un rapporto diretto con Te consumatore, ripercorrendo la tua vita in 30 secondi di spot ( fra le altre cose anche fatti bene);  il protagonista vive la sua vita ed è nominato a seconda dei ruoli che ricopre in un determinato momento o che gli altri gli assegnano: fidanzatino, padre, marito, stagista, capo,  giocatore di calcetto, cliente distratto di un taxi… Nutella da grande marchio qual è invece ti chiama per nome, anzi si permette di prendere e mettere il tuo nome nei vasetti.

Bé che ci crediate o no … anche se ancora oggi stento a trovare questa grande differenze di concetto, Nutella che pur è arrivata seconda nell’idea della personalizzazione del prodotto sembra averne giovato di più.

La campagna è stata portata avanti anche in altri paesi Belgio, Spagna, Francia e sono arrivate migliaia di richieste di adesivi ( mi ero scordato, per avere il proprio nome va fatta richiesta attraverso www.nutellaseitu.it ) e questo mi porta alla domanda che mi gira per la testa:

Copiare una campagna, nell’insieme concettualmente abbastanza semplice,  perché è una strategia vincente?

Datemi Voi una risposta.